Curiosità di Glasgow

Pin It

Non tutti sanno che Paperon de Paperoni nacque a Glasgow nel 1867. Proprio qui, lavorando, ancora bambino, come lustrascarpe guadagna la mitica Numero Uno, una moneta del valore di dieci centesimi americani, inutile in Scozia, che lo spronerà per il resto della sua vita ad essere “il più duro dei duri e il più furbo dei furbi”.

Oltre a Zio Paperone, altri “Famous Glaswegians” sono: Angus e Malcom Young (chitarristi degli Ac/dc), Charles Rennie Mackintosh (architetto), Sir Alex Ferguson (allenatore ed ex giocatore) e il Mago Merlino e il giardiniere Willie dei Simpson. Il municipio, ossia City Chambers è stata utilizzata come set per “La Casa della gioia“, film del 2000 tratto dal romanzo “The House of Mirth” di Edith Wharton, con protagonisti Gillian Anderson e Dan Aykroyd.

  • Nel 1990 è stata Città europea della cultura
  • Nel 2003 è stata Capitale europea dello sport
  • Nel 2008 è stata Città creativa UNESCO per la musica

Glasgow non solo ospita lo stadio più grande di tutta la Scozia (Celtic Park, 60.832 posti), ma è una delle tre città (con Liverpool e Madrid) che hanno avuto due squadre di calcio concorrenti nella finale Europea nella stessa stagione: nel 1967 i Celtic sono andati in finale di Coppa Europa, mentre i Rangers erano disputavano la finale nella UEFA Winners’ Cup.

Glasgow ospitò, nel 1872 all’Hamilton Crescent del Club di Cricket della Scozia occidentale la prima partita di calcio internazionale.
Lo stemma di Glasgow risale al 1866 quando la Corte Araldica Scozzese (“the Court of the Lord Lyon“), esso commemora il santo patrono di Glasgow, Kentigern, meglio conosciuto come San Mungo (ritenuto l’apostolo del regno di Strathclyde, nonché fondatore della città), e include quattro segni rappresentativi: un uccello, un albero, una campana e un pesce, specificamente un salmone, con un anello nella bocca. Gli emblemi rappresentano i quattro miracoli che si suppone abbia compiuto San Mungo. Joanne K. Rowling ha dato il nome di san Mungo all’Ospedale per la cura delle ferite e malattie magiche nel mondo fantastico di Harry Potter.